Meteorismo, flatulenza ed aerofagia: cause, sintomi e dieta

Ultimo Aggiornamento: 2103 giorni

E’ esperienza comune eliminare gas in eccesso attraverso l’eruttazione (popolarmente ruttando) o attraverso il retto con una flatulenza (volgarmente scorreggiando)

Molti pensano di espellere troppo gas quando, in realtà, rientrano assolutamente nella media: la maggior parte delle persone produce circa da 0.5 l a 2 l al giorno di gas, eliminandolo mediamente 14 volte al giorno tramite l’ano.

Il gas è composto principalmente da vapori inodori di biossido di carbonio, ossigeno, azoto, idrogeno e, a volte, metano: l’odore sgradevole della flatulenza, il gas che passa attraverso il retto, deriva dai batteri nel grande intestino che rilasciano piccole quantità di gas contenenti zolfo. Sebbene emettere flatulenze sia comune a tutte le persone, può rivelarsi scomodo ed imbarazzante. Comprendere le cause, i modi per ridurre i sintomi ed il trattamento più idoneo aiuterà le persone a trovare sollievo.

Sintomi e problemi

I sintomi più comuni della presenza di gas sono

  • flatulenza,
  • gonfiore addominale,
  • dolore addominale,
  • eruttazione.

Non sempre si rilevano tutti questi sintomi: tipo e grado, probabilmente, dipendono dalla quantità di gas che viene prodotta dal corpo, da quanti grassi vengono assorbiti dall’organismo e dalla sensibilità individuale a trattenere il gas nel grande intestino.

Un’eruttazione occasionale durante o dopo i pasti è normale, così come le emissioni di gas quando lo stomaco è pieno; un’eccessiva deglutizione di aria può invece portare ad un’eruttazione più frequente.

A volte una persona con eruttazione cronica può avere un disordine gastrointestinale come ad esempio l’ulcera peptica, malattia da reflusso gastroesofageo o svuotamento gastrico ritardato.

A volte la gente crede che inghiottire aria e liberarla permetta di alleviare il disagio di questi disturbi, che possono essere portare intenzionalmente o meno a sviluppare l’abitudine di eruttare per alleviare il disagio. La sindrome di gonfiore da gas può verificarsi dopo un intervento chirurgico correttivi della GERD.

Un altro disturbo comune è la flatulenza.

Molte persone credono che troppo gas provochi gonfiore addominale, tuttavia chi si lamenta di gonfiore da gas ha spesso quantità e distribuzione del tutto normali, semplicemente viene vissuto con una consapevolezza diversa.

I medici ritengono che il gonfiore sia di solito il risultato di un disturbo intestinale, come la sindrome da intestino irritabile: la causa non è nota, ma può comportare movimenti anomali, contrazioni dei muscoli intestinali e una maggiore sensibilità al dolore nell’intestino. Questi disturbi possono dare una sensazione di gonfiore a causa della maggiore sensibilità al gas. Qualsiasi malattia che provochi infiammazione od ostruzione intestinale, come il morbo di Crohn o il cancro del colon, può anche causare gonfiore addominale. Infine l’ingurgitare cibi grassi in eccesso può ritardare lo svuotamento dello stomaco e provocare gonfiore e disagio, ma non necessariamente troppo gas.

Alcune persone percepiscono dolore quando il gas è presente a livello intestinale, quando il dolore si avverte sul lato sinistro del colon, può confuso con malattie cardiache, quando il dolore è sulla parte destra del colon è possibile avere problemi biliari o l’appendicite infiammata.

Cosa provoca la formazione di gas?

Il gas nel tratto digerente (nell’esofago, nello stomaco, nell’intestino tenue e nell’intestino crasso) proviene da due fonti:

  • ingestione di aria,
  • produzione da parte dei batteri naturalmente presenti nel grande intestino, chiamato anche colon.

L’aerofagia (una disfunzione dell’apparato digerente, che consiste nella tendenza ad ingoiare aria che arriva nello stomaco in quantità eccessiva) è una causa comune di gas nello stomaco: tutti ingeriscono piccole quantità di aria quando mangiano e bevono, tuttavia bere o mangiare rapidamente, il consumo di gomme da masticare, il fumo o indossare protesi dentali possono indurre alcune persone a deglutire più aria.

Eruttare è il modo più frequente attraverso il quale l’aria, che contiene azoto, ossigeno e anidride carbonica, lascia lo stomaco. Il restante gas si muove nel piccolo intestino, dove viene parzialmente assorbito. Una piccola quantità viaggia all’interno del lume intestinale del crasso e viene rilasciata attraverso il retto; anche lo stomaco rilascia biossido di carbonio quando l’acido prodotto si mescola con il bicarbonato nei succhi digestivi, ma la maggior parte del gas viene assorbita nella circolazione e non arriva nel grande intestino.

Il corpo non è in grado di digerire ed assorbire alcuni carboidrati che si trovano in molti alimenti a causa di una carenza o dell’assenza di alcuni enzimi che aiutano la digestione. Questo cibo non digerito passa quindi dal piccolo intestino al grosso intestino dove, di solito, la flora batterica intestinale digerisce parte degli alimenti producendo idrogeno, anidride carbonica, e, in circa un terzo di tutte le persone, il metano: alla fine questi gas vengono espulsi attraverso il retto.

Le persone che producono metano non necessariamente producono più gas o avvertono più sintomi: è possibile capire se si fa parte di questa  categoria sapendo che chi produce metano avrà feci che galleggiano in acqua. La ricerca non ha ancora chiarito il motivo per cui alcune persone producono metano e altre no.

Gli alimenti che producono gas in una persona, non necessariamente provocano lo stesso fenomeno in un’altra: alcuni dei più comuni batteri nel grande intestino possono distruggere l’idrogeno prodotto da altri ceppi presenti, quindi la simbiosi dei due tipi di batteri può spiegare perché alcune persone producono più gas rispetto ad altre.

Quali alimenti causano gas?

La maggior parte dei cibi che contengono carboidrati può provocare formazione di gas mentre, al contrario, i grassi e le proteine sono causa di quantità trascurabili.

Gli zuccheri che provocano gas sono il raffinosio, il lattosio, il fruttosio e il sorbitolo.

I fagioli contengono grandi quantità di raffinosio, mentre piccole quantità sono presenti in cavoli, cavoli di Bruxelles, broccoli, asparagi, altre verdure e cereali integrali.

Il lattosio è lo zucchero naturale del latte, lo si trova anche in prodotti lattiero-caseari, come il formaggio e il gelato, e prodotti alimentari trasformati, come pane, cereali, insalata e condimenti. Molte persone, in particolare gli africani, i nativi dell’America e gli asiatici, di solito hanno un basso livello di lattasi (l’enzima necessario per digerire il lattosio) dopo l’infanzia. Inoltre con l’avanzare dell’età i i loro livelli enzimatici diminuiscono ulteriormente: la conseguenza è che nel corso del tempo queste persone possono rilevare la presenza di notevoli quantità di gas dopo aver mangiato alimenti che contengono lattosio.

Il fruttosio è presente naturalmente in cipolle, carciofi, pere e frumento; è anche utilizzato come dolcificante in alcune bibite e bevande alla frutta.

Il sorbitolo è uno zucchero che si trova naturalmente nella frutta, tra cui mele, pere, pesche e prugne secche. E’ anche utilizzato come dolcificante artificiale in molti alimenti dietetici senza zucchero, caramelle e gomme.

La maggior parte degli amidi, comprese le patate, il grano e la pasta, producono gas, mentre il riso è l’unico alimento contenente amido che non provoca gas.

Molti alimenti contengono fibre solubili ed insolubili: la fibra solubile si scioglie facilmente in acqua ed assume una consistenza gelatinosa nell’intestino: si trovano nella crusca di avena, nei fagioli, nei piselli e nella maggior parte della frutta. La fibra solubile non viene intaccata finché non raggiunge l’intestino crasso, dove la digestione causa gas.

La fibra insolubile, d’altra parte, passa essenzialmente immutata attraverso l’intestino e produce poco gas. La crusca di frumento e alcune verdure contengono questo tipo di fibra.

Esami diagnostici

Poiché i sintomi possono essere comuni con gravi malattie, i medici di norma iniziano con il rivedere le abitudini alimentari e con il considerare i sintomi per escludere cause più gravi. Il professionista sanitario può chiedere al paziente di tenere un diario degli alimenti e delle bevande consumate per un determinato periodo di tempo,

Se il deficit di lattasi è la causa del sospetto di gas si suggerisce di evitare i prodotti lattiero-caseari per un periodo di tempo. Un esame del sangue può essere usato per diagnosticare l’intolleranza al lattosio.

Per determinare se la produzione di gas nel colon è eccessiva o se il paziente è solo particolarmente sensibile al passaggio di normali volumi di gas, il medico può chiedere ad un paziente di contare il numero di volte che erutta durante il giorno e includere tale informazione in un diario. Un attento riesame della dieta e della la quantità del cibo possono aiutare a superare sintomi provocati da determinati alimenti e a determinare la gravità del problema.

Traduzione a cura di Dr.ssa Elisa Campana

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Diana

    Un consiglio: come posso fare x la colazione? Di solito prendevo biscotti integrali con fibre e cereali

  2. maria 63

    sono piu di 15 giorni che ho un dolore al lato destro, erutto in continuazione, ho eseguito una ecografia all’addome completo ed e’ risultato tutto nella norma. Cosa posso fare, ho la pancia e lo stomaco gonfio. Grazie

  3. Gino

    Dottor Cimurro io soffro di meteorismo e non so più cosa mangiare,con cosa posso sostituire i legumi? I fagioli sono sicuramente da evitare,ma anche le lenticchie? Per la frutta e verdura,ho letto che le banane vanno bene,ma purtroppo non le digerisco,tra la frutta più leggera posso mangiare kiwi e mele o pere,ma vanno bene o sono da evitare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Provi con dosi piccole.
      Dalla frutta elimini la buccia e, anche in quel caso, provi con dosi più piccole (magari più volte al giorno).

  4. Daniele

    dottore, io da quando ho circa 14 anni (ora ne ho 20) mi salgono sempre tipo bolle d aria dallo stomaco alla gola ma non faccio il rutto esce solo l aria e fa un rumore strano e poi non so se e legato a questo ma ho avuto molti episodi di tachicardia (da 2 anni)

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe essere un po’ di reflusso/aerofagia; il medico cosa ne pensa?

    2. Daniele

      Non so… non mi sono mai fatto visitare per questo perchè non l ho mai presa come una cosa seria ma da quando ho avuto problemi di tachicardia ho pensato fosse questo il problema poi non saprei….. considerando che ho fatto tutte le visite cardiologiche ed erano ok , a volte in mezzo alla strada mi venivano attacchi incredibili una volta e venuto il 118 e avevo i battiti intorno a 160 , comunque questo reflusso lo ho da moltissimi anni e ora mi ha veramente stufato ….

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      È decisamente ora di parlare con il medico di base di queste bolle d’aria (reflusso è una mia ipotesi, ma non è detto che sia corretta); in futuro non sottovaluti mai nessun sintomo, nemmeno se di lieve entità, perchè nel tempo può peggiorare e diventare più difficile da risolvere.

    4. Daniele

      La ringrazio moltissimo per la sua disponibilità, come lei mi ha suggerito andrò a parlare col mio medico per approfondire la cosa con delle visite

  5. fabrizio

    scusi dottore ho spesso l’aria nello stomaco con forti dolori addominali, il medico di base mi ha detto pillole di carbone ma ho notato che mi fa meglio l’aglio, che dice continuo, grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Strano, ma se si trova bene credo che il medico le consiglierà di continuare con l’aglio.

    2. pancia gonfia e dolente

      Buona sera ho sempre pancia gonfia e dolente e flautolenza. Sono vegetariana donna 40 anni potrebbe essere una intolleranza? Ho provato a eliminare vari cibi ma non ne vengo a capo..ho notato solo che i carboidrati mi gonfiano di più ..e’ utile esame sangue per le intolleranze?
      Grazie per la risposta e l’attenzione.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Eviti il fai da te con gli esami, soprattutto relativamente alle intolleranze, e si rivolga con fiducia ad un gastroenterologo per procedere in modo razionale alla diagnosi.

    4. Quinto

      Buona sera dottorea da due anni che soffro di erutazione continui ogni volta che rutto mi salgono odori brutti dallo stomaco e o anche dolore al petto, o pure fatto tre gastroscopie e tutti dicono gastrite cronaca mianno dato la cura pantoprazoloda 40 e riopan 80a sei mesi che faccio questa cura. Per leruttazione e questo brutto odore celo sempre e non riesco piu a gustare il cibo cosa mi consiglia

  6. antonio

    Mi chiedo solamente come si da a organizzare una rubrica cosi idiota dove si chiedono dei consigli medici a un farmacista che a sua volta suggerisce di rivolgersi a un medico….ma di che stiamo parlando!!

    1. Roberto

      Dal momento che il forum non è obbligatorio puoi anche non leggere ed evitare il tuo problema!

  7. Claudia

    Buonasera,
    Sono una ragazza di 23 anni che soffre di colite ormai da diverso tempo.
    Purtroppo questo mi porta ad avere (quasi sempre, soprattutto alla mattina) disturbi a livello di pancia o stomaco, più che altro aria nella pancia che mi provoca disagio e dolore addominale.
    Ho provato vari farmaci in questi anni per questo problema, ma ancora tutt’ora non ho trovato un farmaco buono e fisso da prendere dopo i pasti per l’aria nella pancia.
    Mi ritrovo alla mattina con dei dolori addominali e del gonfiore, pur cercando di mangiare il più possibile alimenti giusti per il mio problema.
    Ho provato recentemente, trio carbone, endofit gas, sinaire, adomelle, senza avere buonissimi risultati.
    Ha modo di potermi consigliare qualche farmaco efficace e che faccia il suo lavoro a livello di assorbimento?
    La ringrazio in anticipo.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso consigliare farmaci/integratori, anche se in casi come il suo spesso si procede più che altro per tentativi.

  8. Anonimo

    Buonasera! Sin da giovane ho sempre sofferto di stipsi ricorrendo ai lassativi. Mi è stato detto che ho un brutto intestino. Da alcuni anni cerco di non farne uso , ma ho scariche con feci a mo’ di nocciole. Scorsa settimana in seguito a forte dolore su lato sinistro ho fatto toradol e buscopan fiale. Da giorni , pur mangiando verdura ho difficoltà a scaricarmi e soffro di forte aerofagia. il caso di fare ecografia?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1.5-2 l è più che sufficiente, in ogni caso vale la pena fare il punto con il medico curante o con un gastroenterologo.

  9. Christian

    Buona sera dottore.
    Le racconto ciò che mi succede da un po’.

    Due mesi fa sono stato in ospedale per dolori al fianco sinistro,Mi hanno fatto 2 ecografie,una lastra e una TAC più vari analisi del sangue ,urine e a parte il morbo di gilbert,tutto ottimo.Mi dissero che avevo molta aria ,nient’altro.

    Mi passò tutto per circa un mese e mezzo,ma sono già 3 giorni che lo stomaco è gonfio e credo anche l’addome in quanto ho leggeri bruciori..Non so più cosa fare,mi dicono che è tutto ok ma nel frattempo ho ancora problemi!

    PS:Ho notato che la mattina quando mi sveglio sto bene,leggero come una piuma,è durante il giorno che il problema si presenta…Cosa può essere?

    La ringrazio anticipatamente dottore.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Per lo stomaco non è stato prescritto nulla?
      Sta attento all’alimentazione?
      Stress?

    2. Christian

      Grazie mille per la sua risposta dottore.

      Per quanto riguarda l’assunzione di farmaci,non mi hanno prescritto nulla,solo di bere più acqua e camminare di più (devo dire che ultimamente non faccio molto movimento).

      L’alimentazione non varia moltissimo effettivamente.
      Pasta al sugo,patate,non molta verdura ne frutta.Non bevo alcol,ne bibite gassate,non fumo e non mangio tanti latticini.Per lo stress,nell’ultimo anno ne ho avuto moltissimo a causa di due perdite in famiglia..

      Ps:Ieri notte avevo lo stomaco che faceva molto rumore e leggeri bruciori.

      La ringrazio per la sua disponibilità

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Farei il punto con il medico di base, in modo da impostare uno stile di vita più attento ed eventualmente tamponare la situazione con farmaci (nel cambio di stagione è normale qualche peggioramento).

  10. Martina

    sono incinta da 12 settimana e da una settimana che soffro di Meteorismo, flatulenza ed aerofagia che mi fa stare veramente male! lo so che non posso prendere niente solo assumere una dieta sana, ma veramente ho paura di mangiare… per cui vorrei mi aiutasi con la descrizione di alcuni alimenti per sapere se hanno i componenti per produrre questo disturbo e cosi sapere se posso mangiarli o no… ad esempio, banane, fragole, latte senza lattosio, quinoa, zucchine, melanzane, finocchio, cereale muesli, marmellata, aglio, mele cotte al forno senza buccia, papaya, avocado, farro, lattuga, pomodoro, uovo, biscotti… e se posso bere tisana di anice o finocchio nel caso abbia questo problema, ho letto da qualche parte che fa male se si è incinta questo è vero?
    Grazie della sua risposta!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Eviti la tisana al finocchio.

      Attenzione a non esagerare con la quantità di frutta e verdura, potrebbe essere la fibra a darle problemi.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Secondo l’EMEA c’è la possibilità di un’azione genotossica sul feto da parte di alcune molecole contenute.

  11. Anonimo

    Salve dottore sono una ragazza da 25anni e soffro gia da parecchio tempo di forti dolori al fianco sinistro ho sempre forti dolori addominali facendo alcune ecografie hanno trovato presenza di meteorismo hanno detto che avevo troppo meteorismo da non riuscire a vedere nulla neanche nell ecografia anche se io n
    mangio poco e molto pulito non mangio cibo spazzatura patatine fritto o cioccolata insomma mangio pulito ho fatto gli esami di celiachia e lattosio negativo poi ho fatto il ves in effetti mi hanno detto che c era un infiammazione cosa dovrei fare? A volte mi sento a disagio xche quando mi trovo fuori mi vengono forti crampi addominali come se avessi delle bolle d aria e mi viene da scoreggiare maleodoranti ho provato diversi farmaci ma nulla

    1. Anonimo

      No non sono una persona stressata anziosa però mi succede che appena finito di mangiare pure uno yogurt inizio a scoreggiare e poi ogni volta mu brucia tutto l ano

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Gli alimenti che le causano fastidi vanno evitati.

      Mangia molta frutta e verdura?
      Legumi?

  12. lulu

    Dottore…io o sempre lo stomaco gonfio..ansi in particolare quando mangio la pasta con il pane..sono ghiotta di pasta..e me ne sono accorta che anche i latticini mi danno modo di fare..aria come mai

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe essere intolleranza al lattosio, ma attenzione anche a mangiare lentamente e masticare a lungo; raccomando comunque di fare il punto con il medico.

  13. Lea

    Buongiorno, volevo un suo parere riguardo alla mia situazione. Da gennaio all’improvviso e dopo un forte stress ho iniziato ad avere tantissimo gas intestinale maleodorante (acido). All’inizio ho sottovalutato il problema pensando fosse una cosa temporanea ma il problema non si è risolto. Ho fatto l’ecografia (tutto nella norma) se non fosse che il medico ha detto che per tutta l’aria che mi ritrovo dovrei avere una scarica di diarrea. Ma non presento né diarrea né stitichezza. Solo tantissima aria. Adesso sto facendo l’esame per le intolleranze alimentari (sospetto quella al lattosio) ma nonostante io abbia provato a fare un’alimentazione senza queste sostanze per una decina di giorni la situazione non è migliorata per niente. Mi hanno suggerito anche di fare gli esami per la celiachia, anche se non penso proprio di essere celiaca. Volevo chiederle se per caso ci sono altri controlli o esami che potrei fare e che non ho preso in considerazione. La ringrazio in anticipo.

    1. Lea

      Sì, è stato un fortissimo spavento e stress emotivo durato pochi giorni. Non so se è collegato alla mia sintomatologia, so solo che da quel momento è andata sempre peggiorando.

    2. Lea

      Uno o due frutti al giorno lontano dai pasti. E la verdura massimo due porzioni, con la pasta a pranzo e come contorno a cena. Preparazioni molto semplici e non elaborate. Non bevo mai bibite gassate ma solo acqua. A volte consumo té verde o tisane tipo quella al finocchietto, o zenzero e limone, senza zucchero. Però in precedenza ho esagerato con cibi non esattamente sani, molti formaggi e latticini, dolci.. solo che è ormai da due mesi che seguo un’alimentazione corretta e non c’è nessun miglioramento..

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente non si capisce davvero cosa sia successo; ha già provato con fermenti lattici?

    4. Lea

      Sì, ma non hanno per niente migliorato la situazione.. Avendo in passato sofferto di colecisti, quasi speravo che fosse lì il problema.. Ma dall’ecografia risulta perfetta. Aspetterò l’esito del test per le allergie e mi rivolgerò a un gastroenterologo, sperando di venirne a capo. La ringrazio moltissimo per il suo tempo.

  14. Provolino

    Sono un tetraplegico per incidente stradale.
    Da parecchi giorni ho la pancia gonfia e dura. Ho una flatulenza molto intensa la sera, quando vado a letto, ma è un fenomeno che dura alcuni minuti. Poi basta. Nello stomaco invece continua per qualche ora, un susseguirsi di rumori, imputabili a movimento di aria. Che debbo fare per diminuire la noiosa flatulenza.Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ci sono farmaci specifici che possono aiutare, ma attenzione anche a quello che mangia per qualche giorno.

      Senta comunque anche e soprattutto il parere del medico.

  15. stefano picone ..

    salve ..dottore ..senta ho ,perso circa 22 kg in un anno ….con l aiuto di una biologa nutrizionista …mangio molta frutta e verdura ,…pasta integrale e legumi ….ma da tempo ho sempre l intestino gonfio e pesante ….con tanta aria ….la biologa dice che devo prendere del finocchio ho del carbone carbone ,,ma funziona in parte ,,,,.questo problema mi sta dando anche dei seri problemi sociali ..cioè evito di uscire per evitare problemi …..secondo lei che esami dovrei fare per cercare di limitare i problemi grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La causa potrebbe essere un eccesso di legumi e fibra.

    2. Zeo

      Salve dottore, ho 21 anni e non riesco a capire come mai ho sempre pancia gonfia dopo che mangio.. E talvolta anche a digiuno nel basso ventre. Ultimante mi capita addirittura di svegliarmi con la pancia gonfia . Sono andato dal gastroenterologo che mi ha prescritto tutti gli esami sia delle feci che del sangue e non É risultato niente di strano. Però questo problema sta continuando e mi pare stia anche aumentando ,per non parlare dei problemi che mi sta creando a livello sociale. Cosa potrebbe essere?? Sarebbe utile un’ecografia? Grazie in anticipo

    3. zeo

      che non avevo nulla visti gli esami …ma non è così viste le condizioni della mia pancia . Che potrei fare??

    4. Dr. Cimurro (farmacista)

      OK, gli esami sono negativi, ma durante la visita lo specialista non ha rilevato il gonfiore?

  16. Mo

    Buongiorno, sono ormai mesi che la mia pancia si gonfia in modo spropositato dopo i pasti.. Al mattino nulla e poi… Faccio un lavoro d’ufficio e quindi sono seduta e mi da molto fastidio, non vedo l’ora di arrivare a casa per sbottonare i pantaloni.. sono piena di fitte e mi succede anche dopo un pasto leggerissimo..
    Cosa può essere, che esami mi consiglia di fare?
    Da poco ho effettuato test intolleranze in farmacia e sono risultata leggermente intollerante all’albume che tra l’altro ho eliminato.
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Farei il punto con un gastroenterologo, in quanto sugli esami delle intolleranze comunemente c’è più di un dubbio da parte della comunità scientifica.

      Andranno indagate altre possibili cause in modo più metodico.

    2. Mo

      Grazie per la celere risposta.. Secondo lei potrebbe essere un problema di sensibilità al glutine? Dimenticavo di dirle che soffro di stitichezza che tratto con prodotti specifici. Grazie

    3. zeo

      si durante la visita mi ha detto che avevo problemi di meteorismo e mi ha prescritto gli esami ma oltre ciò non ha saputo dirmi niente,che dice lei?

    4. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non escludo che questi prodotti peggiorino il problema, ma il medico la aiuterà a rilevare eventuali altri problemi (come un’intolleranza al lattosio).

    5. Anonimo

      DICE CHE SIA MEGLIO FARE IN’ALTRA VISITA?TIPO ECOGRAFIA? COSA HO SECONDO LEI?

    6. Dr. Cimurro (farmacista)

      È stata visitata dal medico curante o da un gastroenterologo?

    7. Anonimo

      da entrambi..il medico di famiglia mi ha mandato dal gastroenterologo che a sua volta mi ha prescritto gli esami . Ma nessuno alla fine è riuscito a dirmi qualcosa di concreto

    8. Dr. Cimurro (farmacista)

      Segnali al suo medico di base il persistere dei sintomi, ma è davvero indispensabile ritrovare la serenità e scrollarsi di dosso le paure che si tratti di qualcosa di grave.

  17. steffi

    salve dottore ,venerdì 8 aprile effettuato una gastroscopia ,diciamo che il dottore ha avuto qualche problemino nel farmela.la diagnosi è.: esofagite distale di grado a,ernia jatus,MRGE.che cosa vuol dire?poi la cura: pantorc 40 la mattina,riopan bustine 3 volte al dì, gaviscon una busta la sera, da qualche giorno comincio ad avere bruciore alla bocca dello stomaco,mal di testa che va e viene,quando mangio mi sento appesantita,flatulenza maleodorante,mi ha tolto il cacao,bevande gassate,menta ,vino.il dottore mi ha detto che non ho helicobacter pilory,la cura va bene? la dovrò fare per un anno ,e poi riandare a visita.ho sentito parlare di un integratore della carlo erba che è fatto di fibre e fermenti lattici,potrebbe aiutarmi per regolare il mio intestino?visto ho preso il plantalax che mi ha fatto venire i crampi allo stomaco.grazie mille steffi

  18. Salvo

    Salve dottore, da anni che soffro di colon irritabile, puntulamente ogni 2/3 anni faccio una colonscopia con risultati negativi. Dal 7 gennaio c.a. ho avuto un’altro attacco di colite, con molta diarrea liquida ogni volta che facevo un pasto o bevevo, con leggeri bruciore di stomaco al mattino, lingua bincastra. Dopo aver fatto una colonscopia (negativa) e gastroscopia con risultati gastrite antrale e reflusso. Ad oggi i sintomi sono un pò calmati con rifacol, pentacol e pantorc , dopo i pasti Gaviston prescritti dal un gastroenterologo . Comunque ho ancora aria in tutto l’addome le feci sono quasi dure ma granulose e mi sento un nodo alla gola con alito pesante, alcune volte assomiglia alla stessa puzza delle feci. Cosa ne pensate??

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Colon irritabile, gastrite e reflusso possono in effetti spiegare tutti i sintomi; sta attento alla dieta ed allo stile di vita?

  19. giusi

    salve,mia mamma a causa di gonfiore allo stomaco dopo i pasti, ha fatto una colonno scopia con risultato “diverticoli”
    gli hanno detto di non mangiare verdure fiorite.
    C’è una cura o una dieta adatta?

  20. Alessia

    Salve dottore, ogni mattina quando vado a scuola ho sempre aria nella pancia ed ho aerofagia in continuazione… I miei dicono che è solo nervosismo e in questi giorni io non ho avuto nessun tipo di nervosismo ma è sempre la stessa cosa… Ho provato a prendere la camomilla ma non so se funziona… Ho sempre aria aria aria e non so più che fare e mangio frutta ogni sera prima di andare a dormire un frutto al giorno e mangio qualche volta ma raramente legumi ecc.. E non so più che fare lei cosa mi consiglia????

    1. Alessia

      io ritorno a casa verso le due e praticamente dopo che sono tornata a casa non mi fa male niente è solo qualche volta ho aria ma specialmente la mattina e quando sto a scuola mi viene sto fatto…. Prima a casa non mi faceva male niente e non avevo nessuna aria ora invece mi capita sia a scuola e poco a casa….

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Effettivamente viene il dubbio che sia solo un po’ di stress.

    3. Anonimo

      Si ma mi capita anche di pomeriggio e sera e non sono per niente nervosa,… Non capisco

    4. Dr. Cimurro (farmacista)

      Prova a cercare di capire se c’è qualche alimento che ti gonfia di più.

    5. Anonimo

      Non penso…. Ora mi sta capitando anche di pomeriggio e sera ma la camomilla aiuta??? Non so che fare ho sempre questa aria nella pancia….

    6. Anonimo

      Ok va bene…. E cosa dovrei fare?? Io ogni mattina sto calma ma poi mi incomincia la pancia a gonfiarsi e uscire tanta aria e non capisco….cerco di alleviarmi l’ansia ma è sempre la stessa cosa…

    7. Dr. Cimurro (farmacista)

      Parlane con fiducia al medico, potrà valutare la situazione e se confermasse l’ipotesi potrà aiutarti in modo concreto.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.