Meteorismo, flatulenza ed aerofagia: cause, sintomi e dieta

Ultimo Aggiornamento: 1585 giorni

Link sponsorizzati

E’ esperienza comune eliminare gas in eccesso attraverso l’eruttazione (popolarmente ruttando) o attraverso il retto con una flatulenza (volgarmente scorreggiando)

Molti pensano di espellere troppo gas quando, in realtà, rientrano assolutamente nella media: la maggior parte delle persone produce circa da 0.5 l a 2 l al giorno di gas, eliminandolo mediamente 14 volte al giorno tramite l’ano.

Il gas è composto principalmente da vapori inodori di biossido di carbonio, ossigeno, azoto, idrogeno e, a volte, metano: l’odore sgradevole della flatulenza, il gas che passa attraverso il retto, deriva dai batteri nel grande intestino che rilasciano piccole quantità di gas contenenti zolfo. Sebbene emettere flatulenze sia comune a tutte le persone, può rivelarsi scomodo ed imbarazzante. Comprendere le cause, i modi per ridurre i sintomi ed il trattamento più idoneo aiuterà le persone a trovare sollievo.

Sintomi e problemi

I sintomi più comuni della presenza di gas sono

  • flatulenza,
  • gonfiore addominale,
  • dolore addominale,
  • eruttazione.

Non sempre si rilevano tutti questi sintomi: tipo e grado, probabilmente, dipendono dalla quantità di gas che viene prodotta dal corpo, da quanti grassi vengono assorbiti dall’organismo e dalla sensibilità individuale a trattenere il gas nel grande intestino.

Un’eruttazione occasionale durante o dopo i pasti è normale, così come le emissioni di gas quando lo stomaco è pieno; un’eccessiva deglutizione di aria può invece portare ad un’eruttazione più frequente.

A volte una persona con eruttazione cronica può avere un disordine gastrointestinale come ad esempio l’ulcera peptica, malattia da reflusso gastroesofageo o svuotamento gastrico ritardato.

A volte la gente crede che inghiottire aria e liberarla permetta di alleviare il disagio di questi disturbi, che possono essere portare intenzionalmente o meno a sviluppare l’abitudine di eruttare per alleviare il disagio. La sindrome di gonfiore da gas può verificarsi dopo un intervento chirurgico correttivi della GERD.

Un altro disturbo comune è la flatulenza.

Molte persone credono che troppo gas provochi gonfiore addominale, tuttavia chi si lamenta di gonfiore da gas ha spesso quantità e distribuzione del tutto normali, semplicemente viene vissuto con una consapevolezza diversa.

I medici ritengono che il gonfiore sia di solito il risultato di un disturbo intestinale, come la sindrome da intestino irritabile: la causa non è nota, ma può comportare movimenti anomali, contrazioni dei muscoli intestinali e una maggiore sensibilità al dolore nell’intestino. Questi disturbi possono dare una sensazione di gonfiore a causa della maggiore sensibilità al gas. Qualsiasi malattia che provochi infiammazione od ostruzione intestinale, come il morbo di Crohn o il cancro del colon, può anche causare gonfiore addominale. Infine l’ingurgitare cibi grassi in eccesso può ritardare lo svuotamento dello stomaco e provocare gonfiore e disagio, ma non necessariamente troppo gas.

Alcune persone percepiscono dolore quando il gas è presente a livello intestinale, quando il dolore si avverte sul lato sinistro del colon, può confuso con malattie cardiache, quando il dolore è sulla parte destra del colon è possibile avere problemi biliari o l’appendicite infiammata.

Cosa provoca la formazione di gas?

Il gas nel tratto digerente (nell’esofago, nello stomaco, nell’intestino tenue e nell’intestino crasso) proviene da due fonti:

  • ingestione di aria,
  • produzione da parte dei batteri naturalmente presenti nel grande intestino, chiamato anche colon.

L’aerofagia (una disfunzione dell’apparato digerente, che consiste nella tendenza ad ingoiare aria che arriva nello stomaco in quantità eccessiva) è una causa comune di gas nello stomaco: tutti ingeriscono piccole quantità di aria quando mangiano e bevono, tuttavia bere o mangiare rapidamente, il consumo di gomme da masticare, il fumo o indossare protesi dentali possono indurre alcune persone a deglutire più aria.

Eruttare è il modo più frequente attraverso il quale l’aria, che contiene azoto, ossigeno e anidride carbonica, lascia lo stomaco. Il restante gas si muove nel piccolo intestino, dove viene parzialmente assorbito. Una piccola quantità viaggia all’interno del lume intestinale del crasso e viene rilasciata attraverso il retto; anche lo stomaco rilascia biossido di carbonio quando l’acido prodotto si mescola con il bicarbonato nei succhi digestivi, ma la maggior parte del gas viene assorbita nella circolazione e non arriva nel grande intestino.

Il corpo non è in grado di digerire ed assorbire alcuni carboidrati che si trovano in molti alimenti a causa di una carenza o dell’assenza di alcuni enzimi che aiutano la digestione. Questo cibo non digerito passa quindi dal piccolo intestino al grosso intestino dove, di solito, la flora batterica intestinale digerisce parte degli alimenti producendo idrogeno, anidride carbonica, e, in circa un terzo di tutte le persone, il metano: alla fine questi gas vengono espulsi attraverso il retto.

Le persone che producono metano non necessariamente producono più gas o avvertono più sintomi: è possibile capire se si fa parte di questa  categoria sapendo che chi produce metano avrà feci che galleggiano in acqua. La ricerca non ha ancora chiarito il motivo per cui alcune persone producono metano e altre no.

Gli alimenti che producono gas in una persona, non necessariamente provocano lo stesso fenomeno in un’altra: alcuni dei più comuni batteri nel grande intestino possono distruggere l’idrogeno prodotto da altri ceppi presenti, quindi la simbiosi dei due tipi di batteri può spiegare perché alcune persone producono più gas rispetto ad altre.

Quali alimenti causano gas?

La maggior parte dei cibi che contengono carboidrati può provocare formazione di gas mentre, al contrario, i grassi e le proteine sono causa di quantità trascurabili.

Gli zuccheri che provocano gas sono il raffinosio, il lattosio, il fruttosio e il sorbitolo.

I fagioli contengono grandi quantità di raffinosio, mentre piccole quantità sono presenti in cavoli, cavoli di Bruxelles, broccoli, asparagi, altre verdure e cereali integrali.

Il lattosio è lo zucchero naturale del latte, lo si trova anche in prodotti lattiero-caseari, come il formaggio e il gelato, e prodotti alimentari trasformati, come pane, cereali, insalata e condimenti. Molte persone, in particolare gli africani, i nativi dell’America e gli asiatici, di solito hanno un basso livello di lattasi (l’enzima necessario per digerire il lattosio) dopo l’infanzia. Inoltre con l’avanzare dell’età i i loro livelli enzimatici diminuiscono ulteriormente: la conseguenza è che nel corso del tempo queste persone possono rilevare la presenza di notevoli quantità di gas dopo aver mangiato alimenti che contengono lattosio.

Il fruttosio è presente naturalmente in cipolle, carciofi, pere e frumento; è anche utilizzato come dolcificante in alcune bibite e bevande alla frutta.

Il sorbitolo è uno zucchero che si trova naturalmente nella frutta, tra cui mele, pere, pesche e prugne secche. E’ anche utilizzato come dolcificante artificiale in molti alimenti dietetici senza zucchero, caramelle e gomme.

La maggior parte degli amidi, comprese le patate, il grano e la pasta, producono gas, mentre il riso è l’unico alimento contenente amido che non provoca gas.

Molti alimenti contengono fibre solubili ed insolubili: la fibra solubile si scioglie facilmente in acqua ed assume una consistenza gelatinosa nell’intestino: si trovano nella crusca di avena, nei fagioli, nei piselli e nella maggior parte della frutta. La fibra solubile non viene intaccata finché non raggiunge l’intestino crasso, dove la digestione causa gas.

La fibra insolubile, d’altra parte, passa essenzialmente immutata attraverso l’intestino e produce poco gas. La crusca di frumento e alcune verdure contengono questo tipo di fibra.

Esami diagnostici

Poiché i sintomi possono essere comuni con gravi malattie, i medici di norma iniziano con il rivedere le abitudini alimentari e con il considerare i sintomi per escludere cause più gravi. Il professionista sanitario può chiedere al paziente di tenere un diario degli alimenti e delle bevande consumate per un determinato periodo di tempo,

Se il deficit di lattasi è la causa del sospetto di gas si suggerisce di evitare i prodotti lattiero-caseari per un periodo di tempo. Un esame del sangue può essere usato per diagnosticare l’intolleranza al lattosio.

Per determinare se la produzione di gas nel colon è eccessiva o se il paziente è solo particolarmente sensibile al passaggio di normali volumi di gas, il medico può chiedere ad un paziente di contare il numero di volte che erutta durante il giorno e includere tale informazione in un diario. Un attento riesame della dieta e della la quantità del cibo possono aiutare a superare sintomi provocati da determinati alimenti e a determinare la gravità del problema.

Traduzione a cura di Dr.ssa Elisa Campana


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Gianluca

    Dottore buonasera !
    Soffro di meteorismo , troppo .
    Mi hanno consigliato prodotti a base di finocchio o Simeticone …
    Lei quale mi consiglia tra i due.
    Sempre gentile
    Un abbraccio

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Uno non esclude l’altro, ma il simeticone è sicuramente più efficace.

  2. Margherita Aquila

    Salve.Non ho la colecisti, prima prendevo il deursil adesso è da circa 8 mesi che non ne faccio uso. L’ho sostituito con Bio tad plus..Ho forti bruciori di stomaco, gastrite, diverticolosi…non riesco a svuotare completamente l’intestino..e succede che quando evacuo l’odore è terribile, anche quando succede di scorregiare o eruttare.Ho avuto l’elicobatteri pilori..con l’antibiotico sono riuscita a risokvere. La bile è in circolazione..esistne dei rimedi naturali per espellere la bile??grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo no, al di là di un’alimentazione attenta non può fare nulla.

  3. Anonimo

    Dottore mi scs la volgaritá ma scorreggiare molto durante il hiorno é sintomo di chron? Quale é il sintomo che più di tutti può far sospettare il chron?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Dolore addominale, diarrea (spesso con perdita di sangue), a volte perdita di peso.

  4. Anonimo

    salve dottore, mi hanno detto che potrei soffrire di aerofagia e meteorismo (io però non faccio quasi mai gas, forse è proprio questo il problema, mi hanno detto che molto probabilmente ho tantissima aria nello stomaco, per questo erutto anche a digiuno) mi è successo che l’altra sera ad una lezione in palestra, finita la lezione abbia avuto come delle extrasistoli, mi sentivo aria che dal petto mi saliva in gola, mi ha detto la mia dottoressa che forse più che extrasistoli si è trattato di un caso di aerofagia. cosa posso fare?

    1. Anonimo

      buongiorno dottore , vorrei chiederle se fa male trattenere i peti in gravidanza grazie

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Fa male sempre, perchè aumenta la pressione all’interno dell’intestino; niente di pericoloso, intendiamoci, ma sicuramente in grado di causare fastidi intestinali.

  5. xmen

    salve dottore sn un ragazzo di 24 anni non riesco a capire cosa ho.. e da un paio di anni che penso di avere reflusso gastrico ma il mio medico non mi ha mai fatto la domanda, quando erutti senti come se ti sale acido? parlando con un amico mi ha fatto riflettere se quando erutto mi sale qualcosa di acido o no e sinceramente non mi capita mai, quando erutto spesso mi sale solo aria.. ho l’addome gonfio e indolenzito, soffro di colon irritato diagnosticato mediante una coloscopia. Il medico voleva farmi fare una gastroscopia x vedere se il reflusso dipende da un ernia. Ma è possibile che l’aria che mi sale non dipenda da ernia ma sia dovuta al fatto che essendo il colon irritato l’aria non esce dall’ano e mi risale dall’esofago? da una ecografia fatta anni fa il medico mi disse che l’esame era un pò ostacolato da un intenso meteorismo ma mai nessuno mi ha prescritto niente o mi ha detto che i miei problemi potessero essere relativi al troppo gas intestinale che non riesco ad espellere o anche i sintomi di una gastrite curata anni fa ma i sintomi sono sempre frequenti. mi dia un consiglio o mi spieghi a che tipo di specialista potrei risolvere vorrei evitare di fare mille esami e vorrei risolvere questo problema definitivamente..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Gastroenterologo; tenderei ad escludere che i sintomi (continua eruttazione) derivino dall’intestino.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il colon irritabile spiega la maggior parte dei sintomi descritti, ma non escludo che possa esserci anche un po’ di gastrite.

  6. pat

    Buon giorno,consigliano frutta dopo i pasti,ma se mangio frutta lontano dai pasti mi prendono crampi addominali con scariche maleodoranti a volte o blocco altre volte, che mi costringono a prendere antispastici e non sempre funzionano costringendomi per diverse ore a dolori acutissimi.

  7. Alessandro

    Dottore io ho la rcu e la pancia perennemente gonfia.faccio sport palestra corsa e addominali ma la pancia non va via.potrebbe essere dovuta desclusivamente alla presenza di gas nell’intestino?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non posso purtroppo prescrivere farmaci, ma potrebbe fare qualche prova con l’alimentazione (eliminare lattosio, ridurre le fibre, …).

  8. anonimo..

    salve , io ho un disturbo da un po di mesi che , tra la costola sinistra e l ombelico in un punto preciso sento , a volte dolore altre prurito altre bruciore . non ce sempre , di rado , ho fatto ecografia e mi hanno detto che ho meteorismo del colon …. dovrei preoccuparmi per quacosa di piu’ serio ??? grazie .

  9. sofia

    Buongiorno dottore io so 4 anni che vado avanti con questo dolore che mi viene tutti i giorni, no so più cosa fare o fatto tutte le visite ,prelievi necessari persino risonanza magnetica mancherebbe la colonscopia che o richiesto io disperata ma è mancata una donna dopo essersi sottoposta a questa visita quindi o paura.
    Impratica mi vengono dei dolori allo stomaco e dietro alla schiena mi si gonfia la pancia e non riesco a far uscire l’aria impraticabile mi si forma troppa aria all’interno dello stomaco se disperata perché non posso lavorare e stare dietro a mio figlio mi aiuti cosa posso fare ?

    1. m.

      Salve dottore inizio con raccontate ls mis storia clinica operata nel 97 per occlusione intestinale, poi sono stata bene fino a gennaio, episodio di fecaloma che ho espuso dopo un ora e mezza a casa, nei giorni successivi peggioramento con visita al pronto soccorso due flbo di buscopan poi due clistere evacuato .
      Dopo aver fatta defecografia e manometria diagnosi di prolasso rettale in lista d’attesa con tecnica starr .
      Ho sempre mal di pancia con gorgoglii e forte espulsione d’aria .
      Fastidio alla gola sempre come di quacosa .dimenticavo sofgro anche di reflusso sono didperata ho 43anni grazie per l’interessamento

    2. Anonimo

      In questo periodo no , oggi ad esempio e stata una giornata di mal di pancia continuo con la sensazione di aver aria in pancia ma di non riuscire ad espellere alla fine ho ptesa acora come ieri buscopan credo di avere quacosa di brutto

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non c’è motivo di pensarlo; si rivolga con fiducia al medico per una diagnosi esatta, ma non escludo che sia legato al reflusso.

    4. Anonimo

      Lo spero perche sono molto preoccupata ho questo fastio alla gola ma non è come avere il mal di gola , ho notato anche un piccolo puntino bianco vicino alla tonsilla. Dimenticavo una cosa molto importante mia madre è venuta a mancare 14 anni fa dopo un periodo molto sofferto per infarto intestinale aveva 58 anni la ringrazio per il tempo a me dedicato

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non abbia paura di parlarne con il medico, è l’unico modo per capire esattamente la causa.

  10. luca

    Salve dottore. Il mio problema è che devo sempre mangiare perché non appena mi si svuota lo stomaco inizia a riempirsi l’intestino di aria procurandomi dolori addominali e a volte persino intercostali. Cosa posso fare?

  11. giuseppe

    Da unpo di tempo soffro di senso di vomito e a volte giri di testa alcuni giorni fa ho fatto una gastroscopia dove risultava parecchio bile e tante bolle d’aria, inoltre sono state fatte dei prelievi di tessuto per analizzarli,in attesa dei risultati mi hanno prescritto cinarepa ,debridat e gaviscon (ho sempre sofferto di gastrite) .Non ho piu voglia di mangiare perche’ mi sento pieno prima di ingerire gli alimenti Gradirei un suo parere e qualche consiglio grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Dieta leggera, piccoli spuntini al posto dei 2 pasti classici; utile un po’ di esercizio fisico.

  12. Anonimo

    da parecchi anni, ho gastrite e bruciore di stomaco , rigurgiti e senso di pienezza, ho fatto varie gastroscopie e per “fortuna” è sisultata sempre gastrite cronica.Ora che sono in menopausa si è aggiunta la stitichezza, e l’intestino sempre pieno d’aria che non sempre riesco a buttare fuori, dolore addominale da quando sto assumendo( almeno credo) 500 gr di latte al giorno per una dieta più ricca di calcio.dovrei fare la colonscopia che subentra come screening dopo i 50 anni ma ho paura a farla mi hanno detto che fa male poi senti che ad una le perforano l’intestino….non so , la ipocondria aumenta e i sintomi pure.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Non condivido l’assunzione del latte a quello scopo, perchè potrebbe essere la causa dei disturbi che lamenta.
      2. La colonscopia è molto fastidiosa, ma non pericolosa.

  13. stefy

    Salve dotto.re sono una ragazza si 21 anni.. ho un piccolo problema cioè quello di non riuscire a emettere aria dell’intestino.. e se mi sforzo di farlo mi faccio male.. quindi ci perdo le speranze.. Soffro ogni tanto di colon irritabile e in passato ho curato iil reflusso che adesso è passato. Faccio quasi ogni sera tisane al finocchio, a volte melissa e camomilla.. però non vedo molti risultati.. il problema è che quando evacuo si mi aiutano molto però essendo un po stitica spesso mi viene un dolore lancinante a sinistra della pancia fino a quando non avviene l’espulsione.. però mi viene forte dolore quasi da svenire! Vorrei poter risolvere la cosa in maniera naturale.. faccio bene a prendere spesso tisane? Lei cosa mi consiglia? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Peso ed altezza?
      2. Fa attenzione alla dieta?
      3. Mangia frutta e verdura?
      4. Beve a sufficienza?
      5. Dice che non riesce ad emettere aria perchè si sente gonfia?

  14. Vanna

    Buongiorno Dottore.Sono la signora che prima non si è firmata, il latte devo propio eliminarlo , lo stavo assumendo per una dieta , la cosidetta :HERBALIFE ma ora l’ho messa via, e sto prendendo Triocarbone per il gonfiore dopo i pasti , più Antra 20 per la Gastrite e Gaviscon, al bisogno, intanto seppur diminuito sento un senso di tensione addominale ma ho smesso col latte da due gg.Per la colonscopia, ora vedrò di farla , so dei centri dove sedano , almeno parzialmente.Le chiedo, ,con la menopausa è normale la stitichezza? premetto che prendo pure ansiolitici per due volte al giorno, , devo eliminare latte e derivati per la gastrite?
    Grazie.Buona giornata.
    Vanna.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Purtroppo sì, può insorgere un po’ di stitichezza.
      2. Sì, il latte dà fastidio allo stomaco e può gonfiare.

  15. stefy

    Salve dottore sono la ragazza che le ha scritto ieri.. ho 21 anni sono alta 1.64 cm e peso 44 kg, ho avuto un periodo di stress ma adesso sto meglio e mangio cose normali senza schifezze o cose varie.. mi concedo spesso dolci.. mangio poca frutta però e niente verdura.. solo lattuga.. patate carote cipolle o pomodori,, ma nulla a foglie larghe…non bevo molto massimo 4 bicchieri d’acqua al giorno e la sera quasi sempre la tisana..si spesso mi sento gonfia e non riesco ad emettere aria normalmente.. tranne se mangio lenticchie allora si.. ma negli altri giorni mi e impossibile..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Forse più che tisane potrebbe aiutare carbone vegetale o prodotti simili, ma più di tutto a lei serve una diagnosi e per questo le raccomando il parere del medico; è necessario capire cosa le causi questo gonfiore.

      Bere di più ed aumentare il consumo di fibra potrebbe aiutare a regolarizzare l’intestino.

  16. Francesvo

    Salve dottore sono un ragazzo di 34anni soffro di flatulenze intestinale con episodi di alternanza a diarrea o solide . Ma in questo ultimo periodo il problema del rumore intestinale sembra aumentare con emissione di aria in eccesso con presenza di emorroidi doloranti

  17. france

    salve dottore, io è da un anno che soffro di gonfiore. col tempo è anche peggiorato, soffro di stitichezza, meteorismo e acidità,reflusso….
    vorrei anche aggiungere che ho provato quasi tutto il carbone, le tisane, i probiotici ma senza risultati anche se abbinati ad una dieta più o meno giusta.
    ormai non bevo più il latte, solo quello di soia, credo di essere intollerante al pomodoro, ed al altri alimenti che producono flatulenze e gonfiore appena ho finito il pasto.
    forse mi sento meglio se la sera non mangio e mi trovo più sgonfio il giorno dopo…credo che dovrò convivere con questo disagio…
    secondo Lei potrei provare con qlcs altro che mi faccia stare meglio?
    grz dott!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Quello che serve è prima di tutto una diagnosi; al suo posto mi rivolgerei ad un gastroenterologo, che possa mettere ordine fra i diversi sintomi ed aiutarla a recuperare una qualità di vita soddisfacente attraverso dieta, stile di vita ed eventualmente farmaci mirati.

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.